Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Camillo Cametti at Large

Londra, 18 Maggio 2016 – 33i Campionati Europei/Nuoto – 3a Giornata/Batterie

EURONUOTO 3/BATTERIE: Svettano i magiari

Tempi veloci per Laszlo Cseh e Tamas Kenderesi nei 200 farfalla. Miglior tempo di Katinka Hosszu nei 200 misti (secondo nei 100 dorso) e per Boglarka Kapas negli 800 stile libero. Diletta Carli (800SL) in finale con il terzo tempo. Giacomo Carini (200F) e Carlotta Toni (200MI) avanzano alle semifinali con il quarto tempo.

  • Share

Nella prima gara del mattino, i 200 farfalla uomini, svettano gli ungheresi Laszlo Cseh (sotto nella foto di G.Scala/Deepbluemedia/Insidefoto) e Tamas Kenderesi. Trent’anni ma sempreverde e superdecorato il primo; 19 anni, emergente e poco conosciuto il secondo. Nuotano quasi lo stesso tempo: 1:54.51 l’eclettico Cseh, che in prospettiva olimpica ha abbandonato i misti per concentrarsi sul delfino, e che qui desidera testare i propri limiti; 1:54.79  il giovane compagno di squadra. Entrambi vicini al record dei campionati di 1:54.38, del polacco Pawel Korzeniowski, che resiste da Eindhoven 2008. I crono degli ungheresi sono il 3° e 4° del 2016. Ai primi due posti i giapponesi Daiya Seto, con 1:54.14, e Masato Sakai, con 1:54.21.

LASZLO CSEH-XVI FINA World Championships Aquatics Swimming CSEH HUN

Si comporta bene il giovane piacentino Giacomo Carini (18 anni), che va in semifinale con 1:57.30, quarto tempo.

Katinka Hosszu senza problemi nei 200 misti: il miglior tempo è suo con 2:11.55. Secondo e terzo tempo per le britanniche Hanna Miley, 2:12.43, e Siobhan-Marie O’Connor, 2:12.76. Ottimo quarto posto per Carlotta Toni, 21 anni, con 2:13.01, primato personale. L’allieva di Sergio Pasquali, coach di lungo corso tuttora animato da giovanile entusiasmo, aveva già fatto bene nei 400 misti. Con il 7° tempo, 2:13.34, si qualifica anche l’altra toscana, la livornese Sara Franceschi, giovanissima figlia del tecnico federale Stefano (ha compiuto 17 anni l’1 febbraio). Fuori per regolamento Ilaria Cusinato (9a in 2:14.42) e Luisa Trombetti (11a in 2:14.70).

Nei 200 rana maschili il campione del mondo Marco Koch ottiene facilmente il miglior tempo di qualificazione. Il tedesco nuota rilassato per 150 metri, rimane davanti, pressappoco in linea con i migliori avversari facendo due cicli nel tempo in cui gli altri ne fanno tre. Gli basta accelerare nell’ultima vasca per stabilire il miglior tempo delle batterie con 2:11.29, e prenotare la medaglia d’oro,.

Luca Pizzini fa registrare il nono tempo, 2:12.92, ma va in semifinale con l’ottavo poiché il terzo britannico, Andrew Willis, appena 4 centesimi più veloce di lui, è escluso per regolamento.

Piace sempre più il giovane russo Grigory Tarasevich. Nuotando con grande tecnica ed efficacia e realizza il miglior crono sui 50 dorso, con 24.85. Nella sua batteria, la quinta, Guy Barnea è secondo in 25.25 e  Simone Sabbioni terzo in 25.45; l’azzurro va in semifinale con il 10° tempo. Il francese Camille Lacourt vince la sesta batteria con 24.93, secondo tempo più veloce.  

Nei 100 dorso femminili, in quinta batteria, miglior tempo e record dei campionati, con 59.28, per Mie Nielsen, la non ancora ventenne danese figlia d’arte, (il padre, Benny, fu medaglia d’argento nei 200 farfalla alle Olimpiadi di Seoul 1988).

Katinka Hosszu vince la batteria successiva, l’ultima, con 59.38, secondo miglior tempo.

Passano alle semifinali anche Carlotta Zofkova e Elena Gemo,  rispettivamente con il 7° tempo (1:00.88) e il 12esimo (1:01.44). Sfortunata Margherita Panziera che tocca un centesimo dopo la Gemo e, con 1:01.45, è eliminata.

Nella seconda batteria degli 800 stile libero l’ungherese Boglarka Kapas stabilisce il tempo più veloce con 8:27.75. Secondo e terzo tempo di qualificazione per la finale per la britannica Jazmin Carlin, 8:29.53, e per Diletta Carli, 8:30.41, le due più veloci della terza batteria. In finale con il quarto tempo, 8:31.02, anche la slovena Tjasa Odel. Va in finale con l’ottavo tempo, 8:37.25, anche l’altra italiana, la promettente Simona Quadarella, 17 anni compiuti il 18 dicembre scorso.

 

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter