Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Il Blog di Gianfranco Saini

Confronto tra i Campionati Nazionali di Italia e di Gran Bretagna (50m)

Britannici superiori

Netta la loro supremazia in campo femminile, forze quasi pari in quello maschile. La Gran Bretagna ha due obiettivi stagionali, i Campionati Europei di Berlino e i Giochi del Commonwealth di Glasgow.

  • Share
BEN PROUD GBR

Disputati a Glasgow nella settimana successiva agli assoluti di Riccione, i Campionati Nazionali Britannici avevano una grande valenza, come prova di selezione unica per i Commonwealth Games, che si disputeranno nella stessa città e nello stesso impianto, nel prossimo mese di luglio.

Questa manifestazione ha agli occhi dei nuotatori britannici, che siano essi inglesi, gallesi, irlandesi o scozzesi, un’importanza assolutamente prevalente anche nel confronto con i Campionati Europei. Nessun dubbio che essi vi siano arrivati al massimo della condizione.

La vicinanza di data con i Campionati Italiani Assoluti Primaverili consente anche in questo caso un confronto immediato tra il nostro movimento e quello britannico, certamente il primo di Europa per organico nel settore femminile e uno dei più solidi anche in campo maschile: è difficile non considerare i nuotatori di Albione come i maggiori favoriti, anche nel confronto con la Russia, per la conquista del Trofeo delle Nazioni agli Europei in vasca lunga di agosto a Berlino.

La prima possibile chiave di lettura è, naturalmente, quella di considerare il confronto tra i tempi necessari per conquistare il titolo nelle due manifestazioni. Da questo punto di vista il livello dei Campionati Britannici è stato indiscutibilmente superiore nel settore femminile; infatti, il tempo della campionessa britannica è migliore di quello della campionessa italiana in 11 gare su 16, mentre in campo maschile si è registrata un’assoluta parità, con supremazia britannica in 8 gare ed italiana in altrettante. Il totale vede quindi la Gran Bretagna in vantaggio di 19-13. 

Tabella di confronto tra i tempi necessari per vincere il titolo nei due Campionati

Tempi dei vincitori

ITALIA

 

GRAN BRETAGNA

femmine

maschi

 

femmine

maschi

  50 

st. libero

25.37

22.10

 

24.51

22.27

 100 

st. libero

54.99

49.04

 

54.12

49.35

 200

st. libero

1.55.69

1.47.18

 

1.56.59

1.47.54

 400

st. libero

4.04.56

3.48.02

 

4.04.68

3.45.15

 800

st. libero

8.27.65

7.42.74

 

8.18.36

 

 1500

st. libero

16.11.70

14.44.50

 

 

14.59.86

 

 

 

 

 

 

 

 50 

dorso

28.56

24.65

 

27.90

25.09

 100

dorso

1.00.42

53.94

 

59.78

53.82

 200

dorso

2.09.27

1.57.21

 

2.09.79

1.59.40

 

 

 

 

 

 

 

  50 

rana

31.09

27.38

 

30.98

27.43

 100

rana

1.08.13

1:00.89

 

1.07.08

59.56

 200

rana

2.26.50

2.10.84

 

2.24.46

2.07.79

 

 

 

 

 

 

 

 50 

farfalla

26.22

23.85

 

25.83

23.42

 100

farfalla

58.27

52.49

 

58.40

52.55

 200

farfalla

2.07.82

1.57.73

 

2.07.97

1.57.20

 

 

 

 

 

 

 

 200

misti

2.13.66

2.00.34

 

2.09.71

1.59.08

 400

misti

4.36.75

4.14.58

 

4.35.94

4.12.24

 

Nella tabella il tempo del vincitore delle singole gare dei due Campionati è sottolineato quando migliore rispetto a quello dell’anno precedente, al fine di valutare anche la crescita qualitativa da un anno all’altro.

 

Tabella dei piazzamenti virtuali dei tre migliori nuotatori dei due paesi in

un ideale Campionato congiunto

Piazzamenti 3/3

ITALIA

 

GRAN BRETAGNA

femmine

maschi

 

femmine

maschi

  50 

st. libero

4-5-6

1-3-5

 

1-2-3

2-4-6

 100 

st. libero

3-4-6

1-2-3

 

1-2-5

4-5-6

 200

st. libero

1-3-5

1-3-6

 

2-4-6

2-4-5

 400

st. libero

1-3-4

3-4-6

 

2-5-6

1-2-5

 800

st. libero

2-5-6

 

 

1-3-4

 

1500

st. libero

 

1-2-4

 

 

3-5-6

 

 

 

 

 

 

 

 50 

dorso

4-5-6

1-2-5

 

1-2-3

3-4-6

 100

dorso

3-5-6

2-3-5

 

1-2-4

1-4-6

 200

dorso

1-4-5

1-2-3

 

2-3-6

4-5-6

 

 

 

 

 

 

 

  50 

rana

2-3-5

1-5-6

 

1-4-6

2-3-4

 100

rana

2-4-6

3-5-6

 

1-3-5

1-2-4

 200

rana

3-4-6

4-5-6

 

1-2-5

1-2-3

 

 

 

 

 

 

 

 50 

farfalla

2-5-6

2-4-5

 

1-3-4

1-3-6

 100

farfalla

1-4-6

1-4-6

 

2-3-5

2-3-5

 200

farfalla

1-3-6

3-4-6

 

3-4-6

1-2-5

 

 

 

 

 

 

 

 200

misti

4-5-6

3-4-6

 

1-2-3

1-2-5

 400

misti

2-4-6

2-5-6

 

1-3-5

1-3-4

 

In campo maschile, nel campionato virtuale congiunto, otto primi posti per l’Italia, sette secondi e sette terzi, anche in assenza di Fabio SCOZZOLI, che sarebbe stato in grado di realizzare nel confronto con gli specialisti britannici uno dei primi tre tempi sia nei 50 che nei 100 rana. In definitiva un sostanziale equilibrio, con leggera prevalenza britannica, che si sarebbe spostato in favore degli azzurri, se anche a Glasgow si fossero disputati gli 800 stile libero maschili, dai quali Gabriele DETTI e Gregorio PALTRINIERI (nella foto sotto, di Giorgio Scala, a Riccione, dopo gli 800 stile libero), rispettivamente il neo primatista ed il secondo performer europeo all time della distanza, sarebbero emersi nel confronto con i britannici certamente  con il primo e secondo tempo e Samuel PIZZETTI con molta probabilità con il terzo.

Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri record europeo 800 sl

Nel settore femminile, invece, predominio dello squadrone britannico sulla pur consistente squadra italiana, con 11 primi posti virtuali contro 5 nel confronto dei risultati dei due Campionati. Le azzurre ottengono anche 5 secondi posti contro i 10 delle britanniche e in definitiva in un campionato congiunto sarebbero prime o seconde in 10 delle 16 gare individuali e non troverebbero il podio in tre sole gare su sedici: i 50 stile libero, i 50 dorso e i 200 misti, che le britanniche blindano con i tre migliori tempi.

Piazzamenti sul podio in un campionato virtuale congiunto Italia – Gran Bretagna

Piazzamenti       1°-3° posto

femmine

 

maschi

ITALIA

GBR

 

ITALIA

GBR

50

st. libero

0

3

 

2

1

100

st. libero

1

2

 

3

0

200

st. libero

2

1

 

2

1

400

st. libero

2

1

 

1

2

800

st. libero

1

2

 

-

-

1500

st. libero

-

-

 

2

1

 

 

 

 

 

 

 

50

dorso

0

3

 

2

1

100

dorso

1

2

 

2

1

200

dorso

1

2

 

3

0

 

 

 

 

 

 

 

50

rana

2

1

 

1

2

100

rana

1

2

 

0

3

200

rana

1

2

 

0

3

 

 

 

 

 

 

 

50

farfalla

1

2

 

1

2

100

farfalla

1

2

 

1

2

200

farfalla

2

1

 

1

2

 

 

 

 

 

 

 

200

misti

0

3

 

1

2

 400

misti

1

2

 

1

2

 

 

17

31

 

22

26

 

Per quanto riguarda il numero di piazzamenti sul podio di un campionato virtuale congiunto, in campo femminile lo squadrone britannico, come abbiamo già detto senza dubbio il migliore d’Europa, prevarrebbe con un impressionante 31-17. In campo maschile esito invece molto ravvicinato, con i britannici in vantaggio di misura per 26-22.

Due le triple azzurre in questo settore, nei 100 stile libero e nei 200 dorso; due quelle britanniche, nei 100 e 200 rana, la prima delle quali dovuta all’assenza di Fabio SCOZZOLI. Per i nostri nuotatori doppiette al primo e secondo posto nei 1500 stile libero, nei 50 e 200 dorso e due atleti sul podio dell’ideale campionato congiunto, al primo e terzo posto, nei 50 e nei 200 stile libero ed al secondo e terzo nei 100 dorso. In campo femminile triple virtuali britanniche nei 50 stile libero, nei 50 dorso e nei 200 misti e doppiette nei 100 stile libero,  nei 100 dorso e nei 200 rana. Azzurre sul podio con due nuotatrici in quattro gare: al primo e terzo posto nei 200 e 400 stile libero e nei 200 farfalla; al secondo e terzo nei 50 rana.

La squadra britannica per i Giochi del Commonwealth

Donne: Aimee Willmott, Amelia Maughan, Amy Smith, Danielle Lowe, Eleanor Faulkner, Eleanor Sheridan, Elizabeth Simmonds, Francesca Halsall, Jessica Fullalove, Jessica Lloyd, Lauren Quigley, Molly Renshaw, Rachael Kelly, Rebecca Turner, Siobhan-Marie O’Connor, Sophie Allen, Sophie Taylor, Tilly Gray, Stephanie Slater.

Uomini: Adam Barrett, Adam Brown, Adam Peaty, Andrew Willis, Benjamin Proud, Chris Walker-Hebborn, Daniel Fogg, James Disney-May, James Guy, James Wilby, Jay Lelliott, Joseph Roebuck, Joshua Walsh, Lewis Coleman, Liam Tancock, Max Litchfield, Nicholas Grainger, Roberto Pavoni, Thomas Hamer, Oliver Hynd.

 

Ottavo e decimo tempo della manifestazione

Tempi dei vincitori

ITALIA

 

GRAN BRETAGNA

Femmine

Maschi

 

Femmine

Maschi

  50 

st. libero

25.52

21.98

 

25.37

21.70

 100 

st. libero

54.99

49.04

 

54.08

48.53

 200

st. libero

1.56.51

1.48.12

 

1.55.48

1.45.63

 400

st. libero

4.04.54

3.48.01

 

4.04.66

3.49.65

 800

st. libero

8.31.46

7.42.74

 

8.29.68

7.56.11

 1500

st. libero

16.11.70

14.55.10

 

16.39.07

15.19.72

 

 

 

 

 

 

 

 50 

dorso

28.56

25.25

 

29.15

24.37

 100

dorso

1.00.40

53.73

 

1.02.65

53.73

 200

dorso

2.09.27

1.57.21

 

2.12.17

1.59.16

 

 

 

 

 

 

 

  50 

rana

31.47

27.38

 

32.31

27.77

 100

rana

1.08.22

1:00.83

 

1.09.25

1.01.20

 200

rana

2.26.16

2.11.72

 

2.30.39

2.13.85

 

 

 

 

 

 

 

 50 

farfalla

26.22

23.85

 

26.47

23.25

 100

farfalla

58.23

52.49

 

58.54

52.04

 200

farfalla

2.07.92

1.56.43

 

2.12.97

1.56.71

 

 

 

 

 

 

 

 200

misti

2.13.71

1.58.86

 

2.14.60

2.02.50

 400

misti

4.36.79

4.14.55

 

4.42.13

4.22.52

 

In copertina: Ben Proud, velocista britannico della nuova guardia 

 

 

 

 

Leggi anche...