Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Il Blog di Gianfranco Saini

Verso i Campionati Europei (50m) – Berlino, 18 – 14 agosto 2014

Italia seconda, dietro alla Gran Bretagna e davanti alla Russia

Presenze per nazione nelle prime dieci posizioni delle classifiche europee al 5 luglio 2014. Presentiamo tre tabelle relative alle presenze per nazione nelle Top Ten europee nelle gare individuali in programma ai prossimi Europei.

  • Share

Le tabelle sono costruite considerando i 10 migliori tempi in assoluto, anziché i due migliori per nazione, proprio per dare conto dell’ effettiva qualità degli atleti presenti nei vari ranking. A seguire, per i tre campi indagati: donne, uomini e complessiva donne + uomini, viene data la classifica per nazione in base al numero di presenze.

 

Tabella 1 -Donne

 

 

GER

GBR

FRA

HUN

SWE

DEN

RUS

NED

BLR

ESP

POL

UKR

CZE

ISL

LTU

AUT

ITA

50

stile libero

1

1

1

=

1

2

=

3

1

=

=

=

=

=

=

=

=

100

stile libero

=

1

1

=

2

2

1

2

1

=

=

=

=

=

=

=

=

200

stile libero

=

1

2

1

2

=

1

1

=

=

=

=

=

=

=

=

2

400

stile libero

=

1

2

2

1

1

=

=

=

2

=

=

=

=

=

=

1

800

stile libero

=

2

1

2

=

1

=

=

=

2

=

=

=

=

=

=

2

1500

stile libero

2

1

=

=

=

1

=

=

=

3

=

=

=

=

=

=

3

50

dorso

=

3

=

1

=

1

1

=

1

1

1

=

=

=

=

=

1

100

dorso

=

3

=

1

=

1

1

=

=

=

=

1

1

=

=

=

2

200

dorso

1

2

=

1

=

=

1

=

=

=

1

1

1

1

=

=

1

50

rana

2

1

=

=

1

1

=

1

=

=

=

1

1

=

1

=

1

100

rana

1

1

=

=

1

1

=

1

=

2

=

=

=

=

1

=

2

200

rana

2

2

=

=

=

1

1

=

=

2

=

=

=

=

=

=

2

50

farfalla

=

1

1

=

2

1

1

1

1

=

=

=

=

=

=

=

2

100

farfalla

=

4

=

=

1

1

1

1

=

=

=

=

=

=

=

=

2

200

farfalla

1

3

=

2

=

=

=

=

=

=

2

=

=

=

=

=

2

200

misti

=

4

=

2

=

=

1

1

=

1

=

=

=

=

=

1

=

400

misti

=

3

1

2

=

=

=

=

=

3

=

=

=

=

=

=

1

 

 

10

34

9

14

11

14

9

11

4

16

4

3

3

1

2

1

24

 

Presenze Donne

GBR                                     34

ITA                                      24

ESP                                      16

HUN                                     14

DEN                                    14

SWE                                    11

NED                                    11

GER                                     10

RUS / FRA                            9

 

Il secondo posto in campo femminile dell’Italia è dovuto ad una sistematica presenza in tutte le specialità, che vede le azzurre assenti, per quanto riguarda  un piazzamento tra le prime dieci, solo nei 50 e 100 stile libero e nei 200 misti.

Da notare che grazie alla forza delle sue mezzofondiste l’Italia è la nazione con il maggior numero di presenze nella specialità dello stile libero, con un totale di otto. Primo posto per le azzurre anche nella rana, con cinque, a pari merito con le tedesche; secondo posto nella farfalla con sei, alla spalle delle britanniche prime con 8, le quali dominano anche nei misti con sette e nel dorso con otto, qui con le azzurre ancora seconde in solitudine, con quattro. 

Impressionante il dominio britannico nei 100 farfalla e nei 200 misti, con quattro atlete in entrambe le gare tra le migliori dieci della stagione. Per altro le britanniche, uniche nel panorama europeo, vantano almeno una presenza nelle dieci in tutte le gare del programma. 

Segnaliamo in questo settore la grande consistenza della Spagna, della Danimarca e della Svezia. La prima precede per il terzo posto l’Ungheria, sfruttando come le magiare con Katinka HOSSZU (nella foto sotto al recente Sette Colli, alla partenza della sfida fuori programma con Federica Pellegrini sui 200 dorso), la presenza a ripetizione di Mireia BELMONTE (foto successiva rispetto a quella dell Hosszu)  nelle Top Ten.

HOSSZU Katinka, Ungheria, partenza 50 dorso

400m Freestyle Women preliminary

Le due potenze scandinave, fortissime tra le donne, non hanno analogo potenziale tra gli uomini, campo in cui non possono vantare al momento neppure una delle 170 presenze disponibili nelle 17 gare del programma europeo. 

 

Tabella 2- Uomini

 

 

GER

GBR

FRA

HUN

POR

RUS

NED

BLR

ESP

POL

UKR

GRE

BEL

LTU

SLO

SRB

FAR

ITA

50

stile libero

=

1

1

=

=

5

=

=

=

1

1

=

=

=

=

=

=

1

100

stile libero

2

=

=

=

=

5

=

=

=

=

=

=

=

=

=

=

=

=

200

stile libero

1

2

1

=

=

2

1

=

=

=

=

=

=

=

=

1

=

2

400

stile libero

1

4

=

=

=

=

1

=

=

=

=

=

=

=

=

1

=

3

800

stile libero

1

=

2

1

=

=

1

=

1

1

=

=

=

=

=

=

=

3

1500

stile libero

=

1

2

1

=

=

=

=

=

1

1

=

=

=

=

=

1

3

50

dorso

1

1

2

=

=

3

=

=

=

1

=

=

=

=

=

=

=

2

100

dorso

1

1

2

=

=

3

=

=

=

1

=

=

=

=

=

=

=

2

200

dorso

3

=

=

1

=

2

=

=

=

1

=

=

=

1

=

=

=

2

50

rana

1

2

=

=

=

1

=

=

=

=

=

=

=

1

1

1

=

3

100

rana

2

3

 

1

=

3

=

=

=

=

=

=

=

1

=

=

=

=

200

rana

1

5

1

1

=

1

=

=

=

=

=

=

=

=

=

=

=

1

50

farfalla

1

1

1

=

=

2

1

1

1

1

1

=

=

=

=

=

=

=

100

farfalla

1

=

=

1

=

4

1

1

=

2

=

=

=

=

=

=

=

=

200

farfalla

=

1

1

2

=

2

=

=

=

1

=

1

1

=

=

1

=

=

200

misti

2

2

=

2

1

1

=

=

2

=

=

=

=

=

=

=

=

=

400

misti

2

3

=

2

=

=

=

=

1

=

1

=

=

=

=

=

=

1

 

 

20

27

15

12

1

34

5

2

5

11

4

1

1

3

1

4

1

23

 

Presenze Uomini

RUS                                     34

GBR                                     27

ITA                                      23

GER                                     20

FRA                                     15

HUN                                    12

POL                                     11

ESP                                        5

UKR/SRB                              4

 

La Russia emerge al primo posto grazie in particolare alla forza dei suoi stile liberisti veloci, che stampano un mostruoso cinque su dieci sia nei 50 che nei 100 stile libero. Da notare il vuoto di presenza dei russi nel mezzofondo, fenomeno riscontrato anche nel settore femminile.

Russia e Italia prevalgono per numero di presenze nello stile libero con 12, grazie all’impressionante 9, determinato da 3 presenze in ciascuna delle nelle tre gare del mezzofondo prolungato (400, 800, 1500).

Negli 800 gli azzurri mettono a segno anche l’unica tripla delle 17 gare, con tre nuotatori – Gabriele DETTI,  Gregorio PALTRINIERI e Samuel PIZZETTI - al vertice della graduatoria della distanza (nella foto sotto il trio è effigiato agli Assoluti Primverili di Riccione sul podio dei 1500 metri stile libero).

Il pazzo podio dei 1500 stile libero

 

Predominio russo in dorso, con 8, davanti all’Italia, seconda con 6.

Nella rana domina la Gran Bretagna che ha uno straordinario riscontro con complessive 10 presenze, 5 delle quali dai 200 metri (!). Italia terza con 4, dopo la Russia, seconda con 5: non è superfluo sottolineare che senza l’infortunio di Fabio SCOZZOLI, assente dalle Top Ten, il riscontro sarebbe  stato ancora più favorevole.

L’ Orso russo ruggisce anche nella farfalla con 8 presenze nelle tre gare. L’Italia, pure con top swimmers come Piero CODIA e Matteo RIVOLTA (foto sotto), non mette a segno alcuna presenza. Britannici avanti nei misti con cinque presenze. Azzurri senza riscontri nei dieci anche nei 100 stile libero e nei 200 misti, sia pure per pochissimo: specialità dove, comunque, non manca certo la qualità per ribaltare la situazione in senso più favorevole in sede di campionato Europeo.

Matteo Rivolta: 3° record nei 100 farfalla. Il crono segna 50.77

 

Tabella 3 - Totale Presenze Uomini + Donne

GBR       61

ITA         47

RUS       43

GER       30

HUN      26

FRA        23

ESP        21

NED       16

POL        15

DEN       1

SWE       11

 

Come era prevedibile la Gran Bretagna emerge come nazione dal complesso più forte, con 61 presenze complessive, grazie al primo posto in campo femminile (34)  ed al secondo in quello maschile (27). Al secondo posto è l’Italia con 47, in virtù del secondo posto nel settore donne (24) e del terzo (23) in quello uomini. Terza la Russia con 43, che al modesto nono ( 9) tra le donne, contrappone il formidabile 34 dello squadrone maschile, il migliore del Vecchio Continente. In quarta e quinta posizione con rispettivamente 30 e 26 seguono distanziate molto nettamente Germania e Ungheria, quest’ultima grazie alla fantastica penetrazione nelle top ten di Katinka HOSSZU.

Dalla sesta posizione (Francia con 23) in giù, tutte le altre nazioni sono doppiate dall‘Italia: una chiarissima e indiscutibile indicazione del valore del nuoto italiano nel contesto europeo.

 

Le fotografie sono di Giorgio Scala/Deepbluemedia.eu - Inside

Leggi anche...