Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Tuffi

Cina dominatrice nelle prime due gare in programma

COPPA DEL MONDO/1: inizio in salita per gli azzurri a Wuhan

L’avventura cinese della nazionale italiana di tuffi a Wuhan, sede della Coppa del Mondo FINA, non è iniziata con il piede giusto. Dodicesimo il sincro misto, nono posto nel team event.

  • Share

L’avventura cinese della nazionale italiana di tuffi a Wuhan, sede della Coppa del Mondo FINA, non è iniziata  con il piede giusto: la gara inaugurale della manifestazione, il sincro misto dalla piattaforma, ha visto in gara la coppia azzurra formata da Noemi Batki e Maicol Verzotto.

Esattamente dodici le coppie in gara, che quindi saranno tutte qualificate per i Mondiali 2019 di Gwangju (Corea del Nord): oltre alla lotta per le medaglie, però, era importante piazzarsi nelle prime sei posizioni, che garantiscono l’accesso alle prestigiose FINA Diving World Series 2019.

Purtroppo per i nostri tuffatori, tutto quello che poteva andare storto è andato storto: il triplo e mezzo avanti ha risentito dell’esecuzione individuale imprecisa da parte di entrambi, ma il vero problema è stato il triplo e mezzo ritornato, completamente insufficientei, che ha spento qualsiasi speranza di un piazzamento di prestigio.

Buono l’ultimo tuffo libero, il doppio e mezzo indietro con un avvitamento e mezzo, ma ormai i punti da recuperare erano decisamente troppi e la coppia Batki/Verzotto si è piazzata dodicesima in classifica, con 258.60 punti

La medaglia d’oro è andata, prevedibilmente, alla coppia rappresentante della CinaSi Yajie e Lian Junjie, con 353.31 punti: gara pressoché perfetta con tuffi di grande livello anche in individuale. La medaglia d’argento va al Canada con Caeli McKay e Vincent Riendeau, secondi con 301.20 punti, mentre il bronzo va all’inedita coppia della Russia formata da Valeriia Belova e Sergey Nazin, con 299.88 punti.

 

La squadra azzurra non è riuscita ad esprimersi al meglio neanche nel team event.

A rappresentare i nostri colori nuovamente Noemi Batki, accompagnata questa volta da Lorenzo Marsaglia; bene i due tuffi obbligatori, purtroppo la Batki ha avuto un’incertezza in entrambi i suoi tuffi liberi, il triplo e mezzo ritornato ed il doppio e mezzo rovesciato, finiti scarsi.

Per Marsaglia bene il doppio e mezzo avanti con due avvitamenti, meno precisa invece l’esecuzione del quadruplo e mezzo avanti raggruppato. Così per il nostro team è arrivata la nona posizione (322.00 punti) con l’unica consolazione di essersi guadagnati un posto per i Mondiali del 2019.

Meritatissima vittoria per la coppia cinese con Qui Bo e Chen Ywen, che con 406.20 punti non hanno mai avuto rivali; ottima prestazione del team ucraino formato da Oleg Kolodiy e Sofia Lyskun che hanno portato a casa la medaglia d’argento con 388.90 punti, con gli statunitensi David Dinsmore e Krysta Palmer che a quota 374.65 punti sul gradino più basso del podio. Giornata “storta” per una delle squadre che puntava al podio: i tedeschi Patrick Hausding e Maria Kurjo infatti si sono dovuti accontentare dell’ottava posizione.

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter