Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Tuffi

HIGH DIVING WORLD SERIES/2: LoBue trionfa a Bilbao

La seconda tappa delle RedBull World Series 2018 è stata il dominio di Steven LoBue: l’americano piazza un tuffo da oltre 135 punti proprio all’ultimo round e sopravanza il messicano Paredes, fin dal primo pomeriggio in vantaggio grazie a degli ottimi obbligatori. Sesto l’azzurro Alessandro De Rose.

  • Share

La seconda tappa delle RedBull World Series 2018 è stata il dominio di Steven LoBue: l’americano piazza un tuffo da oltre 135 punti proprio all’ultimo round e sopravanza il messicano Paredes, fin dal primo pomeriggio in vantaggio grazie a degli ottimi obbligatori. Sesto l’azzurro Alessandro De Rose (foto Dean Treml/RedBull Content) che migliora il piazzamento ottenuto in Texas e che si è messo alle spalle mostri sacri come l’ex leader di classifica Kolanus e il campionissimo Gary Hunt.

416,15 il punteggio finale di LoBue, oggi letteralmente scatenato: suoi alcuni dei migliori tuffi di giornata, tra cui quello finale che totalizza ben 135.15 di quei punti. Il messicano Paredes, riuscito ad andare oltre quota 100 con un tuffo obbligatorio, gioca bene le sue carte ma è costretto a restare al secondo posto, con 405.55 punti. Terzo un altro americano, David Colturi: suo il miglior tuffo del terzo round, da 124 punti, e così può prendere la medaglia di bronzo con 390.90 punti.

Male il supercampione Gary Hunt, oggi addirittura decimo, e il polacco Kris Kolanus, vincitore della tappa texana, che ha sbagliato entrambi gli obbligatori ed è addirittura undicesimo. Ultimo posto per il russo Silchenko, che non ha eseguito l’ultimo tuffo dopo un problema fisico occorsogli durante il primo libero.

Come detto in apertura sesto posto per Alessandro De Rose che porta a termine la sua seconda gara in carriera da “permanent diver”, ovvero da tuffatore titolare delle World Series, con il punteggio di 366.40 punti. Una buona serie di tuffi per lui, senza particolari errori e con due buoni tuffi liberi andati ben oltre la soglia “psicologica” dei cento punti: quando ti piazzi lontano dal podio per meriti altrui e non per tuoi demeriti, è certamente un’ulteriore spinta a migliorarsi ancora di più per avvicinare i big!

Steven LoBue USA 71,40 90,00 119,60 135,15 416,15
Jonathan Paredes MEX 74,20 100,80 119,85 110,70 405,55
David Colturi USA 71,40 90,00 124,20 105,30 390,90
Blake Aldridge GBR 70,00 84,60 112,80 115,00 382,40
Michal Navratil CZE 71,40 95,40 115,15 96,75 378,70
Alessandro De Rose ITA 70,00 81,00 109,65 105,75 366,40
Orlando Duque COL 70,00 81,00 101,20 110,40 362,60
Andy Jones USA 74,20 66,60 110,40 107,50 358,70
Carlos Gimeno (Wildcard) ESP 67,20 86,70 73,80 121,50 349,20
Gary Hunt GBR 75,60 73,80 105,60 92,25 347,25
Kris Kolanus POL 71,40 86,40 58,75 61,20 277,75
Alain Kohl (Wildcard) LUX 58,80 72,00 70,95 73,80 275,55
Oleksiy Prygorov (Wildcard) UKR 61,60 82,80 57,50 61,10 263,00
Artem Silchenko (Wildcard) RUS 70,00 81,00 52,00   203,00

 

Ed ecco la classifica dopo due gare:

Steven LoBue (USA) – 270
Michal Navratil (CZE) – 250
Blake Aldridge (GBR) – 240
Kris Kolanus (POL) – 220
Jonathan Paredes (MEX) – 190
David Colturi (USA) – 170
Andy Jones (USA) – 160
Alessandro De Rose (ITA) – 130
Sergio Guzman (MEX) – 90
Gary Hunt (GBR) – 80
Orlando Duque (COL) – 80
Carlos Gimeno (ESP) – 40
Miguel Garcia (COL) – 10
Alain Kohl (LUX) – 10
Oleksiy Prygorov (UKR) – 9
Nikita Fedotov (RUS) – 9
Kyle Mitrione (USA) – 8
Artem Silchenko (RUS) – 8

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter