Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Camillo Cametti at Large

Verso i Campionati Europei – Settebello

In Ungheria l’Italia vince la Volvo Cup

Nel periodo prenatalizio gli Azzurri del CT Sandro Campagna erano stati in Australia e avevano giocato tre partite contro la Nazionale di casa: due perse, una vinta.

  • Share

Con tre vittorie su tre partite il Settebello si è aggiudicato la Volvo Cup, mini torneo di preparazione ai Campionati Europei che iniziano domenica 10 gennaio a Belgrado, disputato a Gyor, in Ungheria. Avversarie dell’Italia, oltre all'Ungheria, anche Slovacchia e Spagna.

Un buon test per il CT Sandro Campagna, al quale , per completare la preparazione per gli Europei, sono seguiti due giorni di common training con la Nazionale ungherese.

Risultati dell’Italia

Domenica 3 gennaio: Ungheria-Italia 4-5

Lunedì 4 gennaio: Slovacchia-Italia 8-12
Martedì 5 gennaio: Spagna-Italia 4-14

Classifica: Italia 9, Spagna 6, Ungheria 3, Slovacchia 0.

Il Settebello per gli Europei

Squadra: Marco Del Lungo, Christian Presciutti (AN Brescia), Fabio Baraldi (CC Napoli), Valentino Gallo (Robertozeno Posillipo), Matteo Aicardi, Michael Bodegas, Francesco Di Fulvio, Massimo Giacoppo, Alex Giorgetti, Pietro Figlioli, Stefano Tempesti e Niccolò Gitto (Pro Recco), Stefano Luongo (Carpisa Yamamay Acquachiara). Staff Tecnico: CT Sandro Campagna, Assistente CT Amedeo Pomilio, Team Manager e Video Analista Francesco Scannicchio, Fisioterapista Luca Mamprin, Preparatore Atletico Alessandro Amato, Psicologa Bruna Rossi, Medico Gianfranco Colombo. Domani 8 gennaio partenza per Belgrado.

Oltre ai giocatori convocati per gli Europei, nella Volvo Cup, Campagna ha schierato anche Alessandro Velotto (CC Napoli) e Jacopo Alesiani (Carisa Savona).

Il Settebello in Australia

La trasferta ungherese era stata preceduta, nel periodo prenatalizio, da una più lunga trasferta in Australia, dove l’Italia ha condiviso un common training e tre incontri amichevoli con gli “Squali” australiani (gli “Sharks”).

L’Australia ha vinto il primo e il terzo match, rispettivamente per 12-11 e 10-9. Entrambe le partite sono state giocate nella piscina delle Olimpiadi 2000, il Sydney Olympic Aquatic Centre.

Gli Azzurri hanno vinto il secondo match (14-10), giocato in mare, di fronte all’Opera House di Sydney: una location spettacolare, come si può vedere dalla foto sotto inviataci dal vecchio amico Anti Kajlich (ci conosciamo dai Mondiali di Cali 1975), inventore e produttore delle porte e altre attrezzature per la pallanuoto marchiate ANTI. Kajlich parteciperà agli Europei Master, in settembre, a Rjeka, come portiere della squadra Roma 70+.

AUS-ITA OPERA HOUSA SYDNEY

Leggi anche...