Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Pallanuoto | LEN 

Ostia (ITA), Lunedì 29 Gennaio 2018 - LEN Water Polo Meeting

Svolta nella PALLANUOTO

La LEN prende l’iniziativa e l’ Europa è pronta a lavorare per favorire il decollo della pallanuoto verso nuove dimensioni.

  • Share
BARELLI

L'Europa è pronta a mettere in campo le proprie esperienze, conoscenze e qualsiasi altro strumento necessario per ampliare la base globale della pallanuoto e trasformarla in una disciplina di grande successo. Al LEN Water Polo Meeting di Ostia, i rappresentanti di 20 nazioni hanno convenuto che la modifica delle regole tecniche non era tra gli obiettivi principali; il problema principale è, invece, quello di pensare insieme come la pallanuoto di alto livello potrebbe diventare più attraente per i telespettatori e i fan e come lo sport potrebbe essere sviluppato nelle zone dove l'organizzazione di base è debole o non esiste affatto.

"È valsa la pena lavorare insieme perché molti esperti delle nazioni di maggior successo hanno valutato lo stato attuale della pallanuoto confutandolo con presentazioni davvero valide e consigli costruttivi", ha detto il presidente della LEN Paolo Barelli (in copertina). Poi ha aggiunto:"Sebbene l'Europa stia giocando un ruolo chiave in questo sport e negli ultimi anni i nostri eventi siano stati assolutamente eccezionali, siamo consapevoli che ci sono margini di miglioramento e sentiamo anche la nostra responsabilità nel diffondere e sviluppare la pallanuoto per farla giocare in tutti i continenti".

Ogni anno in tutta Europa si giocano 400.000 partite, quasi 800 match di livello mondiale nei vari campionati top, i campionati europei ogni due anni, i campionati europei giovanili per ogni gruppo di età, la Champions League, solo per citare i principali appuntamenti.

I partecipanti hanno convenuto che la LEN ha istituito qualcosa di speciale creando la nuova Champions League, che è diventata un ottimo esempio di come la pallanuoto potrebbe diventare un prodotto molto apprezzato nel mercato dello sport. La scorsa edizione dei Campionati Europei di Belgrado ha stabilito un nuovo record mondiale di presenze per singola partita (18.473 spettatori hanno visto la finale) e Budapest ha anche inviato un messaggio forte sullo stato di salute della pallanuoto, ospitando una brillante Final Six della Champions League e poi i Campionati del Mondo la scorsa estate.

Secondo gli esperti questi eventi recenti hanno dimostrato che le regole non richiedono alcun cambiamento rivoluzionario e che la pallanuoto e il successo stanno camminando mano nella mano se c'è una copertura televisiva di qualità, e l'organizzazione si prenda cura dei minimi dettagli e si impegni a fondo a promuovere l'evento.

Gli esperti che hanno seguito la pallanuoto dall'esterno, come Franck Choquard, responsabile dei prodotti e del marketing presso Eurovision Media Services, hanno mostrato diversi nuovi modi per garantire una migliore promozione della pallanuoto e per coinvolgere sempre più fan. "L'EBU si impegna anche ad aiutare i club e le federazioni e lavoriamo costantemente alla creazione di nuovi strumenti per coinvolgere più fan non solo attraverso le solite trasmissioni in TV, ma anche attraverso le piattaforme di social media" ha affermato Choquard.

Nel suo messaggio, il presidente dell'AIPS Gianni Merlo ha anche consigliato alla comunità di pallanuoto di “dedicare maggiore attenzione alla creazione di nuove icone e di rendere il gioco più comprensibile per i nuovi appassionati”.

La leggenda degli allenatori Ratko Rudic, in rappresentanza della World Water Polo Coaches Association, ha insistito nel concetto di rendere la pallanuoto uno sport ancora più dinamico visto che l'unico modo per tenere il passo con gli altri e ottenere maggiore appetibilità. La maggioranza e stata d'accordo sul fatto che esplorare nuovi modi di vendere lo sport per avere più risorse sia di fondamentale importanza. Gli investimenti, il duro lavoro e l'approccio professionale sono necessari per aumentare la popolarità dello sport e la LEN con la famiglia europea di pallanuoto è pronta ad offrire tutto il know how alla FINA e agli altri continenti per ampliare le basi di questo sport.

I colloqui intercorsi con i migliori dirigenti della pallanuoto della FINA hanno dato vita a una possibile fusione della nuova competizione LEN per le squadre nazionali, la Coppa Europa, con i turni di qualificazioni continentali per la World League. Dall'anno prossimo la Coppa, che potrà coinvolgere molte più squadre e assicurare una maggiore copertura televisiva, potrebbe anche servire come qualificazione per le Super Final della World League. LEN ha in programma di compiere un altro passo coraggioso, lanciando i Campionati Europei Under 15 nei prossimi anni. Alla riunione è stato inoltre presentato un calendario fino al 2020, con l'obiettivo di far conoscere tutte le date in largo anticipo.

I due giorni a Ostia hanno visto sessioni davvero costruttive in cui tutti i partecipanti hanno offerto il proprio contributo condividendo le proprie opinioni sugli argomenti all'ordine del giorno.

"Più di venti nazioni si sono unite e hanno davvero fatto tutti gli sforzi per immaginare una pallanuoto migliore e più attraente per il futuro", ha detto Paolo Barelli. "Ma rendere questo sport più divertente è solo una parte. Dobbiamo davvero lavorare molto per rendere la pallanuoto uno sport globale. L'Europa ha tutto a portata di mano e il continente è pronto a offrire tutto il necessario per assistere la FINA nella costruzione e attuazione di un grande programma di sviluppo nella pallanuoto ".

Visto che un clinic di arbitri della FINA si è svolto parallelamente ad Ostia, il presidente della LEN ha colto l'occasione per incontrare il liaison del Bureau con il FINA con il TWPC , il kazako Andriy Kryukov, il vicepresidente del TWPC Mark Koganov e il segretario Wim Keman insieme al direttore esecutivo della LEN Gianni Minervini, all'Operation Manager Marco Birri e al presidente della TWPC della LEN Gianni Lonzi. "C'è stato uno scambio di opinioni molto positivo sull'armonizzazione dei calendari e c'è un pensiero comune sulla ricerca dei modi migliori per rafforzare la pallanuoto e trasformarla in uno sport universale", ha aggiunto Barelli.

In chiusura Barelli ha annunciato che saranno formate due commissioni: una per definire una visione europea comune sulle future strategie di sviluppo e marketing e l'altra per ottenere l'opinione del continente sui possibili cambiamenti delle regole.

Foto Deepbluemedia.eu

 

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter