Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Nuoto

Indianapolis, Giovedì 17 Maggio 2018 - Pro Swim Series 2018 (50m)/Seconda giornata

KATIE LEDECKY insiste e stravince i 400 stile libero

Il suo crono è il secondo più veloce di sempre dopo il record del mondo che gli appartiene.

  • Share

Appena un giorno dopo aver stabilito il record del mondo 1500m stile libero nella seconda delle quattro giornate del meeting Pro Swim Series, in  vasca lunga, in corso a Indianapolis presso il Natatorium dell'Indiana University, Katie Ledecky ha vinto i 400m stile libero in 3:57.94, record degli Stati Uniti Open e seconda prestazione di sempre, inferiore solo alla sua prestazione con cui ai Giochi Olimpici del 2016 vinse la medaglia d'oro (3:56.46).

Staccata di quasi 10 secondi Lea Smith, seconda in 4:06.67. Più tardi nella sessione la Ledecky è stata quinta nei 100m stile libero in 54.56, un crono normale se non mediocre. Questa gara è stata vinta dalla talentuosa canadese Taylor Ruck in 53.42, con l’olimpionica Simone Manuel soltanto seconda a 42 centesimi, in 53.84.

Soddisfatta delle sue prestazione la Ledecky ha commentato: "Ho fatto due nuotate davvero grandiose”.

In luce anche il “vecchio” velocista Nathan Adrian che si è aggiudicato i 100m stile libero in 48.69.

Da segnalare che lo junior Daniel Roy ha vinto i 200m rana in 2: 09.73, un crono veloce per la sua età.

 

Nei 400m stile libero Katie Ledecky detiene le 10 prestazioni più veloci di sempre:

3:56.46 (2016)/3:57.94 (2018)/3:58.34 (2017)/3:58.37 (2014)/3:58.71 (2016)/3:58.86 (2014)/3:58.98 (2016)/3:59.13 (2015)/3:59.06 (2017)/3:59.13 (2015).

Seconda performer di sempre Federica Pellegrini con l’undicesima prestazione, il crono di 3:59.15 che nel 2009, all’epoca record del mondo, le permise di vincere il titolo mondiale a Roma.

Risultati ufficiali del meeting al sito: http://www.omegatiming.com/Competition?id=0001120101FFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFF&sport=AQ&year=2018

 

 

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter