Direttore Responsabile: Camillo Cametti
TuffiblogArenaHotel Consul
TuffiblogArenaHotel Consul

Nuoto

Giacarta (Indonesia), Venerdì 24 Agosto 2018 – Giochi Asiatici (50m)/Sesta giornata

ASIAN GAMES/6: Sesto oro per Rikako Ikee, atleta dei campionati

Nell’ultima giornata la prodigiosa teenager giapponese ha vinto anche i 50 stile libero con il nuovo record dei Giochi portando a sei le sue medaglie d’oro (e a otto quelle vinte in tutto). La cinese Jianjiahe Wang vince i 400 stile libero e realizza la tripletta in mezzofondo. Poker per il suo connazionale Yang Sun che dopo 200, 400 e 800 stile libero vince anche i 1500. Giappone e Cina vincono 19 medaglie d’oro a testa.

  • Share
RIKAKO IKEE JPN

Con la disputa della sesta giornata si sono conclusi oggi a Giacarta, capitale dell’Indonesia, i Giochi Asiatici di nuoto, in vasca da 50 metri. Il Giappone e la Cina si sono attestati in cima al medagliere con 19 medaglie d'oro a testa, ma il Giappone ha prevalso, sia pure di poco, nel conteggio totale delle medaglie vinte: 52 contro 50 della Cina. Anche nell’ultima giornata ci sono stati 3 record dei Giochi Asiatici per merito della giapponese Rikako Ikee nei 50m stile libero, della coreana Seoyeong Kim e della staffetta 4x100 mista della Cina che ha realizzato il miglior tempo mondiale del 2018.

L’atleta dei campionati è  la minuta adolescente giapponese, diciottenne, Rikako Ikee (in copertina). Nata a Tokyo il 4 luglio del 2000, alta 167 centimetri per 55 chili di peso, Ikee nell’ultima giornata ha vinto la sua sesta medaglia d’oro, l’ottava complessiva. Gli highlights.

50m stile libero femminili. Rikako Ikee se li aggiudica con 24.53, record dei Giochi Asiatici. Ai Pan Pacifici, all'inizio del mese, Ikee aveva nuotato la distanza in 24.60 ed era arrivata quinta. Proprio con 24.60 oggi la cinese Xiang Liu ha, invece, preso l'argento. Bronzo alla sua connazionale Qingfeng Wu, con 24.87.

50 m rana maschili. Il giapponese Yasuhiro Koseki conferma di essere uno dei migliori ranisti del mondo vincendo anche i 50 metri in 27.07, appena un centesimo più del record realizzato in batteria dal cinese Zibei Yan, con 27.06. Koseki, che nel corso della settimana aveva vinto anche i 100 e i 200 metri, ha così completato la tripletta d’ oro. Koseki è anche il primo giapponese a vincere questo evento ai Giochi Asiatici. A Yan è andato l’argento con 27.25; bronzo a Dmitriy Balandin con 27.46.

400m stile libero femminili. Jianjiahe Wang. La prodigiosa sedicenne cinese vince anche i 400m stile libero con  il nuovo record dei Giochi di 4: 03.18 e realizza la tripletta nel mezzofondo. Nei giorni precedenti Wang aveva vinto gli 800 e i 1500 metri, e aveva conquistato la sua quarta medaglia d’oro con la staffetta 4 × 200 m stile libero. Wang ha concluso oltre 3 secondi davanti alla compagna di squadra, e coetanea, Bingjie Li, argento con 4: 06.4, un crono molto lontano dal 4:01 da lei nuotato da quest’ultima in estate, e che resta record asiatico. Con il suo crono la Wang avrebbe preso il bronzo nei campionati mondiali virtuali, dietro all’americana Katie Ledecky e all'australiana Ariarne Titmus e appena 17 centesimi davanti a Simona Quadarella che ha vinto l’oro europeo con 4:03.35. Wang ha solo 16 anni, e, dunque, tanto tempo davanti per crescere ancora. Bronzo alla giapponese Chihiro Igarashi, con 4: 08.48. E’ la sua quarta medaglia in questi Giochi.

1500 m stile libero maschili. Il cinese Yang Sun, 26 annni, ha vinto la sua quarta medaglia d'oro nel 1500 m stile libero al termine di una gara lenta per gli standard internazionali, che lo ha visto scendere di poco sotto i 15 minuti e toccare con un per lui mediocre  14: 58.53. Con questo tempo Sun, che detiene il record dei Giochi dal 2010 con 14:35 e il record mondiale con 14:31 dal 2012, non sarebbe nemmeno  entrato  nella finale dei Mondiali virtuali . Ma, ha lasciato intendere Sun,  in prospettiva olimpica 2020 egli potrebbe lasciar perdere i 1500 per gli 800. Nella gara odierna l’argento è andato al vietnamita Nguyen Huy con 15: 01.63, e il bronzo all’altro cinese Xinjie Ji, con 15: 06.18.

200m misti femminili. Vittoria sorprendente di Seoyeong Kim, Corea del Sud, con 2: 08.34, nuovo record dei Giochi. Argento alla giapponese Yui Ohashi che è stato il 2: 08.88 (Ohashi aveva nuotato più velocemente ai Pan Pacifici con un 2: 08.16), quindi si terrà alla "medaglia d'oro virtuale" dei Campionati del Mondo Virtuale. Ohashi e Kim sono le uniche due nuotatrici ad avere infranto la barriera del 2:09 in occasione di uno dei quattro campionati importanti di questa stagione e, pertanto, occupano nell’ordine le prime due posizioni della finale mondiale virtuale. Bronzo all’altra giapponese Miho Teramura con 2: 10.98 (oltre un secondo il 2: 09.86 da lei nuotato ai Pan Pacifici). Ilaria Cusinato, argento europeo con 2:10.25, sarebbe stata ottava nella finale mondiale virtuale.

Staffetta 4x100 m mista maschile. Cina e Giappone hanno duellato fino all’ultimo centimetro per la supremazia in questa gara, l’ultima del programma dei Giochi. Alla fine l’ha spuntata la Cina per soli 4 centesimi con 3:29.99. Il Giappone ha dovuto accontentarsi dell’argento con 3:30.03, una disdetta perché la vittoria in questa gara avrebbe consentito ai giapponesi la supremazia nelle medaglie d’oro. Si tratta comunque dei due tempi più veloci del mondo quest'anno. Formazione della Cina: Xu Jiayu (52,60), Yan Zibei (58,86), Li Zhuhao (50,61) e Yu Hexin (47,92). Formazione del Giappone: Ryosuke Irie (52.53), Yasuhiro Koseki (58.45), Yuki Kobori (51.06) e Shinri Shioura (47.99). Bronzo al Kazakistan con 3: 35.62, grazie alla spettacolare frazione a rana di Dmitriy Balandin (58.88).

https://en.asiangames2018.id/schedule-results/sport/swimming/

 

Leggi anche...

TuffiblogArenaHotel Consul

Twitter