Direttore Responsabile: Camillo Cametti

Nuoto | FINA 

Lotta al doping. In febbraio le sentenze riguardanti Filippo Magnini e Yang Sun precedute da altre sentenze contradditorie

DOPING – Schoeman e Meilutyte puniti, Santos riabilitato

Allo sprinter sudafricano inflitta la sospensione di un anno, mentre la ranista lituana, peraltro già ritiratasi, subirà due anni di stop. Al brasiliano tolta la sanzione di un anno (potrà partecipare alle Olimpiadi).

Nel mese di febbraio le sentenze del TAS-CAS sui casi riguardanti Filippo Magnini e Yang Sun sono state precedute da altre sentenze contradditorie, due di condanna e una di assoluzione, a carico di tre noti campioni di nuoto: il sudafricano Roland Schoeman, la lituana Ruta Meilutyte e il brasiliano Gabriel Da Silva Santos.
Continua a leggere...

Nuoto

Losanna, Venerdì 28 febbraio 2020 – Doping/La sentenza del TAS-CAS sul caso Yang Sun

DOPING – Yang SUN oscurato con otto anni di squalifica

Il Panel del Tas-Cas, presieduto dall’italiano Franco Frattini, ha inflitto al fuoriclasse cinese Yang Sun, triplice campione olimpico, una pena severissima ma ha anche raccomandato che lo stesso non venga privato delle medaglie. Una sentenza contradditoria contro cui sono insorti sia lo stesso Sun, che ricorrerà in appello, sia alcuni nuotatori, come Chad Le Clos, che reclamano le medaglie di Sun.

Il Panel giudicante della Corte arbitrale dello sport/Tribunale arbitrale dello sport (CAS/TAS) ha inflitto al fuoriclasse cinese Yang SUN la squalifica di 8 anni per doping. Di fatto la sanzione equivale alla radiazione in campo sportivo e all’ergastolo nella vita normale. Si tratta di una delle punizioni più severe inflitta a un super campione dello sport. Ricordiamo che Sun ha vinto 3 ori olimpici - nei 400 e 1500 metri stile libero a Londra 2012, nei 200 stile libero a Rio 2016 - 12 titoli mondiali e una dozzina di altre medaglie tra argenti e bronzi.
Continua a leggere...

Nuoto

Losanna, Giovedì 27 Febbraio 2020 – Doping/Filippo Magnini scagionato dal Tribunale arbitrale dello sport

MAGNINI assolto: “Ho vinto, ero sicuro della mia innocenza”

La Corte internazionale ha giudicato insufficienti le prove che avevano indotto il Tribunale nazionale antidoping a confermare in secondo grado la squalifica di quattro anni inflittagli in primo grado, come richiesto dall’Agenzia antidoping italiana (NADO). Soddisfatti per la felice conclusione della vicenda anche la Federnuoto con il presidente Paolo Barelli.

Il Tas-Cas (Tribunale arbitrale dello sport o Corte arbitrale dello sport) ha assolto Filippo Magnini, annullando la squalifica a 4 anni per doping inflitta al duplice campione del mondo dei 100 metri stile libero (2005 e 2007) dall’ organo di giustizia sportiva italiana, giudicando insufficienti le prove addotte da quest’ultimo a carica del nuotatore.
Continua a leggere...
Tuffiblog