Direttore Responsabile: Camillo Cametti

Notizie FIN

Roma, Sabato 2 Maggio 2020 – Covid-19 / Per aprire la Fase 2 la FIN chiede chiarezza

BARELLI: "Il CTS chiarisca, o le piscine per gli azzurri non aprono"

Il presidente della FIN rivolge un perentorio invito al Governo e al Comitato Tecnico Scientifico: "Servono linee guida da presidenza Consiglio".

Il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, tramite l'ANSA, lancia un perentorio avvertimento al governo, che è anche un allarme per gli azzurri già in procinto di rituffarsi in piscina dopo la quarantena.
Continua a leggere...

Eventi

Tokyo, Martedì 29 Aprile 2020 – Le prospettive della XXXII Olimpiade fra ottimismo e paura

TOKYO 2020 – Vaccino per tutti oppure niente Olimpiadi

Il presidente di Tokyo 2020 ha affermato che i Giochi sarebbero annullati se non si svolgessero nel 2021, poiché non c’è alcuna possibilità di ulteriore rinvio.

Il presidente del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020, Yoshirō Mori (in copertina), ha affermato che i Giochi Olimpici e Paralimpici sarebbero "demoliti" se non potessero essere tenuti l'anno prossimo. Il mese scorso, a causa della pandemia di coronavirus, le Olimpiadi erano state posticipate al 2021, e dovrebbero tenersi dal 23 luglio all'8 agosto (Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre).
Continua a leggere...

Eventi

Tokyo, Venerdì 10 aprile 2020 – Giochi della XXXII Olimpiade / Aggiornamenti

TOKYO 2020: Olimpiadi ancora a rischio nonostante il rinvio al 2021

Il posticipo non tranquillizza completamente e il capo di Tokyo 2020 riconosce che la pandemia potrebbe avere un impatto sui Giochi nel 2021.

L'amministratore delegato di Tokyo 2020, Toshirō Mutō (sotto) ha riconosciuto che la pandemia di coronavirus potrebbe ancora influenzare i Giochi Olimpici e Paralimpici posticipati nel 2021. La pandemia ha forzato la riprogrammazione di Tokyo 2020, con le Olimpiadi ora in programma dal 23 luglio all'8 agosto 2021, seguite dalle Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre. Dopo il rinvio, sette prefetture in Giappone, tra cui Tokyo (e Fukuoka, sede dei prossimi Mondiali di nuoto in data ancora da definire), sono entrate in uno stato di emergenza mentre i casi di coronavirus continuano a salire (confermati oltre 5.500 casi, circa 100 i morti). Nonostante manchino ancora 16 mesi alla nuova data fissata per l’inizio dei Giochi, Mutō ha riconosciuto che la pandemia potrebbe essere ancora un problema anche l'anno prossimo.
Continua a leggere...
Tuffiblog